DEFLUSSO ECOLOGICO: A CHE PUNTO SIAMO? - Consorzio della Bonifica Burana

Notizie - Consorzio della Bonifica Burana

DEFLUSSO ECOLOGICO: A CHE PUNTO SIAMO?

 

PRIMI RISULTATI DELL’AZIONE DI ANBI PER CONTRASTARE LA RIGIDA APPLICAZIONE DI PARAMETRI IDRICI EUROPEI
PENALIZZANTI IL TERRITORIO ITALIANO

Si chiama idroecologia ed è la scienza, deputata alla definizione dei nuovi parametri di Deflusso Ecologico, attorno ai quali ANBI ha avviato da mesi un articolato confronto, che ha prodotto i primi frutti per evitare che una pedissequa applicazione della normativa, entrata in vigore dal 1 Gennaio scorso, sconvolga gli equilibri economici ed ambientali, costruiti in vasti territori italiani nel corso dei secoli; in sintesi: parametri troppo stringenti, pur mirati al condiviso obbiettivo del benessere fluviale, prevedono di lasciare maggiori volumi d’acqua nell’alveo dei fiumi, privando il territorio di risorse idriche, indispensabili agli ecosistemi, all’agricoltura, alla produzione idroelettrica fino ad arrivare al turismo ed alla fruizione sociale.
“Il nostro, primo obbiettivo – precisa Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) - è rendere meno complesso ed oneroso il processo per l'ottenimento delle deroghe previste dalla normativa e che si ritiene saranno più frequenti in questa fase interlocutoria.”
Conseguenza della Direttiva Quadro Acque, adottata nell’ormai lontano 2000 dall’Unione Europea, la nuova normativa sul Deflusso Ecologico deve infatti ormai fare i conti con l’emergenza climatica, che ha trasformato l’andamento idrologico di numerosi corsi d’acqua italiani da “variabile” ad “intermittente”, comportando cioè anche periodi di vera e propria “asciutta”.  
“E’ a partire da questa evidenza – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI - che l’azione di ANBI, suffragata da proiezioni sperimentali, punta a valorizzare i cosiddetti servizi ecosistemici, cioè tutte le opportunità garantite dalla presenza d’acqua sul territorio e non solo nell’alveo dei fiumi, la cui biodiversità e la sopravvivenza della fauna ittica possono essere garantite anche da accorgimenti di ingegneria naturalistica per i momenti di massimo prelievo idrico.” 
“Si sta lavorando in particolare – conclude Adriano Battilani, Segretario Generale di Irrigants d’Europe - a ridefinire i target di qualità ambientale, affinché si possa, nel più breve tempo possibile e superando il regime di deroga, individuare un nuovo punto di equilibrio fra obbiettivi ambientali e necessità del territorio, ad iniziare da quelle dell’agricoltura, che produce cibo.” 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (274 valutazioni)